Un PC piccino picciò

Era un po’ di tempo che non acquistavo gadget/gizmo, ma grazie al consiglio di un amico e all’esigenza di avere un media player piccolo e silezioso ho investito argent de poche per un pc piccolo piccolo, ma potente:

Asus PC VivoStick PC TS10

  • 32 GB on board
  • USB 2 e USB 3
  • 37 secondi per il boot (Windows 10)
  • WiFi e Bluetooth
  • ventolina per il processore silenziosissima

Tra l’altro montando Windows puoi “tranquillamente streammare” da un altro pc con samba (SMB) al terminale a cui hai collegato la TV (comodo se non hai Smart TV).
A breve un test intensivo delle performance (sono curioso di come possano girare Photoshop,Visual Studio ed il retrogaming)

Scorpacciata d’arte

Nel breve periodo vacanziero ho potuto assistere ad alcune interessantissime mostre che consiglio a tutti. E’ stata una rigenerazione culturale, una necessità che avevo accumulato negli ultimi 6 mesi (nei quali di arte e qualità ne ho trovato ben pochi esempi).

Newton sceglieva modelle particolari negli anni 70, non le top model scheletriche del tempo. Voleva fotografare ciò che suscitava in lui in primis l’eccitazione. Sorprendentemente riusciva, durante ogni lavoro commissionato, a scattare per se immagini dello stesso impatto di quelle di moda ma aggiungendo quello spirito trasgressivo che caratterizzò tutta la sua carriera.

Il trio di ukiyoe, ovvero artisti del mondo fluttuante ha rappresentato per secoli per molti artisti occidentali un esempio di come può essere riportata natura e paesaggio sulla tela. I loro quadri sembrano fotografie, alcune come la Grande Onda di Hokusai (che fa parte di una serie di 36 opere dedicate al Monte Fuji) trasmettono con pochi colori una cura nel dettaglio che lascia sbalorditi.

  

Poco da dire su Warhol, per l’arte moderna e contemporanea esiste un pre Warhol ed un post Warhol. La sua visione del mondo, della pubblicità, della società, dell’arte e del denaro hanno ridefinito il concetto di POP(ular).

Per finire il tormentato Basquiat, un ragazzo che senza alcuna preparazione artistica iniziando come graffittaro negli anni ’80 divenne una sorta di erede di Picasso, o come molti dicono di Anti-Picasso. I suoi quadri (realizzati su tavolacci di legno o su porte) sono tanto difficili che sembrano scarabocchi colorati di un bambino. Come le opere di Picasso non sono facili, ci vuole parecchia analisi per capirli a fondo.

La fucina delle lotterie

Circa un mese in ufficio fa ascolto una conversazione di un mio Project Manager che cercava figure da mandare in missione in Australia. Mi proposi come candidato e la settimana successiva mi fu comunicato che potevo andare in GRECIA.


IMG_20161002_111326

Non ero mai stato ad Atene ed ora vi scrivo dalla lobby di un albergo vicino al centro, dopo la prima settimana di trasferta.

Che dire Atene e’ una citta’ che mi sta stupendo molto, forse anche perche’ in passato avevo sentito solo pareri negativi e con la crisi mi aspettavo un paese alla deriva in poverta’ quasi totale.

IMG_20161001_121110

Senza considerare tutto cio’ che riguardi la storia classica, l’ellenismo la trovo una citta’ molto viva, giovane, luminosa e abbastanza pulita.

IMG_20160930_221652

Scatti dall’oriente

Lo scorso Novembre sono partito per il Giappone, carico di domande su questa nazione di cui, avrei scoperto soltanto in viaggio, non sapevo praticamente nulla. Sono tornato dopo due settimane con ben poche risposte, ma un numero ancora superiore di domande ed un sacco di pensieri non sono ancora certo di aver digerito.

Per non dimenticarmene nel frattempo, ho fotografato e fotografato senza ritegno. Spargo ora una manciata di queste foto qua, per imperitura memoria.

(altro…)

Feel the power of the raw format

Finalmente sono riuscito ad ottenere qualcosa di utile dai file raw della mia piccola e vetusta reflex.

Tendenzialmente non mi sbatto troppo con i raw, al massimo cerco di correggere un po’ l’esposizione del soggetto e poco altro, ma questa volta mi sono spinto un po’ di più, cercando di lavorare sulla nitidezza della immagine originale.

Come potete vedere l’immagine jpg, zoomata al 100% presenta una certa sfocatura.

 

DSC_0087
la versione JPG creata dalla macchina

 

100
La stessa JPG zoomata al 100%

 

nef_nitidezza
L’immagine raw variando la nitidezza (zoomata al 100%)

 

DSC_0087_heidi_set_2
La versione finale in cui ho variato leggermente la saturazione per rendere il colore rosso dei capelli più simile alla realtà

 

Italia INSIDE out

Ho avuto la fortuna di poter visitare questa ricca mostra (42 autori, 600 immagini) all’ultimo momento, chiude infatti il 2 Agosto. Inside out racconta la storia del bel paese dal punto di vista di grandi nomi della fotografia italiana.

Gli scatti vanno dal dopo guerra ad oggi, dal nord al sud Italia.

Tra questi:

slide_416128_5285852_free

Terza Venezia di Silvia Camporesi

slide_416128_5285834_free

Capri di Francesco Jodice

006_Expo_shobha_sito_ZZZ_50X70_imm026

Gli ultimi gattopardi di Shoba

 

unnamed

Corpi di reato, Tommaso Bonaventura e Alessandro Imbriaco

unnamed (1)

Modena, la notte secondo Franco Fontana

Fotografi

Marina Ballo Charmet, Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Letizia Battaglia, Gianni Berengo Gardin, Antonio Biasiucci, Tommaso Bonaventura, Luca Campigotto, Silvia Camporesi, Lisetta Carmi, Vincenzo Castella, Giovanni Chiaramonte, Cesare Colombo, Mario Cresci, Paola De Pietri, Pietro Donzelli, Franco Fontana, Vittore Fossati, Luigi Ghirri, Mario Giacomelli, Guido Guidi, Giovanni Hänninen, Guido Harari, Alessandro Imbriaco, Francesco Jodice, Mimmo Jodice, Martino Marangoni, Nino Migliori, Domingo Milella, Paolo Monti, Ugo Mulas, Walter Niedermayr, Federico Patellani, Franco Pinna, Francesco Radino, Riverboom, Claudio Sabatino, Marta Sarlo, Fabio Severo, Shobha, Massimo Siragusa, Toni Thorimbert, Paolo Ventura, Massimo Vitali.

 

Project Naptha: verso un traduttore multimediale?

Mentre Microsoft lancia Skype Translator ed il traduttore “realtime” di Google riesce a gestire abbastanza bene cartelli o scritte da dispositivi mobile, scopro quasi per caso Project Naptha

Cosa fa Project Naptha? Svolge lato desktop quello che l’app translor di Google fa lato mobile. Volete tradurre una scritta dentro una immagine? Basta selezionare col mouse il pezzo di testo riconosciuto e vedere se si riesce tradurre un meme giapponese o russo.

Ma Naphta non si limita a tradurre, una altra simpatica opzione è la elaborazione del testo. Si, avete capito bene, potete modificare in tempo reale la scritta riconosciuta all’interno dell’immagine. Anche “rimuovere” un watermark.

 

Esempio:

https://www.behance.net/gallery/26566319/Coleman-Air-custom-typeface

La pagina contiene varie immagini con scritte in un font non riconoscibile (inglese) ed in giapponese, se sposto il mouse sopra l’immagine compare la lente dell’effeto lightbox. Soluzione: tasto destro -> copy image url (https://m2.behance.net/rendition/pm/26566319/max_1200/87003a7664997c8d3ecf22d39891170f.jpg)

naphta1 naphta6 naphta3

 

Seleziono il testo in giapponese, ok non riesce a tradurlo. Imposto la lingua a giapponese (perchè altrimenti si perde la codifica dei caratteri) e faccio copia e incolla su google per tradurre. la scritta. Oppure seleziono il testo e lo rimuovo del tutto, altrimenti lo modifico.

naphta4 naphta7

Signori secondo me questa estensione è UNA FIGATA PAZZESCA.

 

Qualche nota:

  • se sull’immagine sono applicati altri effett o gestiti altri eventi (ad esempio il classico lightbox), meglio aprire l’immagine in una finestra a se stante e farla analizzare
  • la traduzione a volta non funziona ancora bene
  • se cancellate del testo e cambiate ed effettuate un zoomin/zoomout, il testo modificato rimane nella vecchia posizione

 

naphta5