Categorie
Entropie

I lapislazzuli roventi – Censurato

Censurato perchè pieno di inesattezze storiche e per l’ultima frase.
Non è questo il luogo per cotali storie, ci sarà tempo anche per quello

Prendo spunto da un recente post di Abdul per rimembrare a tutti quanti (specialmente ad abdul stesso) le meravigliose nottate passate a giocare di ruolo nello scantinato del panificio del nostro amico Sancho Panza che al tempo fu anche concorrente in amore di abdul. Già. Concorrente in amore. Un po’ come quel concorrente di Supermike che copiava le risposte e l’hanno sgamato subito.
Chi potrà mai dimenticare i cavalli zoccolati allo stadio brado?
Gran bei tempi comunque. In quella cazzo di cantina si moriva dal freddo, sedevamo su ferri ferrugginosi che neanche a guardarli ti veniva il tetano e mangiavamo pizza rafferma scaldata con il termosifone. Pero’ mi divertii un sacco ^_^
Non mi capito’ mai piu’ di tornare a casa alle 6 del mattino….
Ma il momento di maggiore ilarità ce lo regalava il nostro amico ribbbaudo (con 3 bbb) che ogni volta che si affezionava a un personaggio sistematicamente ci rimaneva secco 😀 (e si incazzava pure parecchio con scene di isteria irrefrenabile!)
Non dimentichero’ mai quella volta in cui (dopo una battaglia) il nostro amico ribbbaudo va da abdul e gli batte un cinque sulla mano. Piccolo particolare: Abdul aveva un’incantesimo alla mano per cui il pirla ce l’aveva dorata; anche ribbaudo aveva un braccio meccanico incantato. Gli incantesimi fanno casino e ribbbaudo scoppia in aria, ma non muore.
Arrivo io (gran ingegnere di corte) per aiutarlo… ma ecco.. tiro di dadi schifosissimo (100!) e lo faccio saltare in aria in mille fuochi di artificio. Ovviamente ribbaudo l’ha presa con estrema sportività ^_^
Ti ricordi come si chiamava il suo personaggio abdul? Dai raccontane una te di queste avventure, in modo che rimangano immortali in eterno racchiuse in questo blog merdoso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.