Categorie
Entropie

Pensiero della sera

La cioccolata calda e l’ingrediente particolare: la farina di fecola.

Mi sono messo a riflettere su quanto sia importante la fisica e la chimica nella culinaria e vi dimostrerò subito il perchè.

L’altra sera ho fatto scaldare il latte dopo aver versato il cacao per cercare di addensare la cioccolata, ho aggiunto un po’ di farina di fecola. Il risultato è stato disgustoso: la farina non si è sciolta compleatamente rimanendo sparsa a grumi più o meno piccoli in quanto che, scaldandosi solo la parte esterna dell’agglomerato farinoso, l’interno è rimasto protetto e non ha potuto fondersi con il resto della soluzione latte-cacao.

Questa sera ho riprovato non pago del primo insuccesso ed ho variato la procedura: ho sciolto cacao e farina con poco latteo tiepido tanto da raggiungere la liquidità , dopo aver aggiunto il latte ho portato il tutto ad ebollizione o meglio a solidifazione.

Il mio intento è riuscito la cioccolata è diventata Budino!

Giuro c’era solo cioccolata.

Di abdul

Abdul Alhazared, a.k.a. Al Azif, ha circa 1000 anni e gironzola su vari piani dell'esistenza. Dopo aver scritto il Necronomicon si è dedicato alla tecnologia e alla scienza, muovendosi di tanto in tanto in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.