Rlieh

I'm getting older and need something to R'Lieh on

c'è più di quel che vedi in te

Premessa
generalmente se posso prima vedo lo screener di un film e poi semmai vado al cinema.
A parte gli scherzi, la cosa è abbastanza patologica. Ad un certo punto del film mi è venuto l’istinto di premere f e vedere quanto mancava alla fine.
Ma questa sera, folgorato come San Paolo sulla via di Damasco, ho avuto la chiamata dalla sala…
Inoltre volevo concedere a Michael Bay(regista) e al Señor Spilbergo (produttore esecutivo) il beneficio del dubbio.

Realizzazione tecnica: 11/10. I robot sono fantastici quando si muovono, quando si trasformano, quando parlano e quando combattono. Purtroppo nelle scene più concitate (vedi combattimenti corpo a corpo) non si capisce quasi una mazza. Viene in soccorso degli spettatori il big ralenty alla matrix, che qui a differenza di 300 è usato fin poco. Un oscar mi pare poco per gli effetti speciali, qui ce ne vogliono due o tre. Uno anche per gli effetti sonori: i ci-ciu-ciu-ciu sono straordinari.

La storia è un po’ rivisitata, non vi lamentate delle rivisitazioni dei mezzi, perchè tutto viene abbondantemente motivato e spiegato. Tutto si trasforma, ma proprio tutto: macchine, lettori cd, cellulari, console…

Attori in carne ed ossa: il protagonista se la cava egregiamente, la mora anche se non parlava si beccava un 10 lo stesso, la bionda pure. Turturro mi sembra un po’ calcare il ruolo. Un mito Anthony “Antwon Mitchell” Anderson nelle vesti di hacker.

Un elemento importante del film è la comicità, battute in ogni dove. Bay prende in giro gli altri e se stesso (i.e. Armageddon) tramite un’infinità di citazioni. Certo che dopo avere tradotto “more than meet the eyes” potevano anche lasciare i nomi cari ai fan italiani come Commander, Maggiolino, Astrum etc etc.

Insomma, un film per tutti

  • appasionati della saga originale
  • appasionati degli scontri tra robottoni
  • appasionati di macchine (i.e. Cap Chaos)

Quando tornando al parcheggio la mia 600 non si è trasformato lasciandomi molto triste ho pensato di rottamarla per una Camaro nuova fiammante

Seguiranno la recensione del gioco per pc e del fumetto tratto dal film…
Update: mentre scrivevo il post Don Prophecy scriveva il suo. Manco a farlo apposta…

abdul

Abdul Alhazared, a.k.a. Al Azif, ha circa 1000 anni e gironzola su vari piani dell'esistenza. Dopo aver scritto il Necronomicon si è dedicato alla tecnologia e alla scienza, muovendosi di tanto in tanto in Europa.

9 pensieri su “c'è più di quel che vedi in te

  1. Comunque grazie grazie grazie.. 4 persone che sono andate a vedere il film, quattro persone estremamente entusiaste. Fanculo all’indipendence day e al film che qui esce fra 3 giorni.. che agonia!!!

  2. fammi capire, ti guardi prima i film a casa in originale (per forza, lo screener in italiano non lo trovi), quindi recitato meglio dei doppiatori italiani, e poi paghi per andare a vedere lo stesso film doppiato (male) in una sala con ALMENO una persona vicino a te che commenterà in maniera stupida e fastidiosa ogni scena del film?

    perchè?

  3. Ti dimentichi che la visione di uno screener/cam non è paragonabile a quella della sala. Parlo dei “blockbuster” ricchi di effetti speciali in genere (i.e. Spiderman, Pirati dei Carruggi, etc etc)
    Certo la prassi sarebbe non andare nella prima settimana per evitare casino, non puoi andare alla Fiumara per evitare le famigliole di immigrati che fanno casino o al pomeriggio coi bambini che scassano.

    Cmq i Transformer è un caso particolare, essendo uscito prima in italia poteva trovarsi solo uno screener italiano nei prossimi giorni.

    @Capitano: sottolineo il fatto che è stato un caso particolare: ieri sera mi trovato all’Uci da solo! Mi sono sacrificato per voi.
    Se qualcuno ha voglia di andare in settimana, o il prossimo weekend sono pronto a rivederlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto