Categorie
Entropie

monorotaia, monorotaiaaaa, monorotaiaaaaaa

Ringraziamo il nuovo consulente del comune, tale architetto Renzo Piano, cha consiglia di sostituire la sopraelevata di Genova con una monorotaia!

«Disegnerò l’idea della città, partendo dall’immediata necessità di un trasporto pubblico adeguato, in grado di liberare il centro dalle auto, lasciate nei parcheggi di cornice». Cinque le soluzioni individuate: «Una monorotaia per sostituire la Sopraelevata, la strada che sovrasta come un balconata il porto ma crea una barriera verso il mare. Utilizzando lo stesso sedime, perché siamo genovesi e non si butta via niente, otterremo un impatto visivo e acustico inferiore venti volte a quello attuale, senza rinunciare alla visione dall’alto che incanta chiunque arrivi in città…”

Chissà come saranno contenti tutti quelli che ogni giorno la usano per andare a lavorare…

Altro che Cialis e Viagra il nuovo mercato è la droga online!

Da un progetto universitario ha preso vita un simpatico RPG che insegna il giapponese

Arcaid Sealed Heat, alla faccia non lo riconosco più il DS sembra aver raggiunto il dettaglio della PS2! Vabbeh poi ci sono giochi come Yoga Everywhere, il simulatore di Yoga

Ethan was right: un rompicapo rompipalle in flash e Cave Story, un promettente gioco homebrew per DS e PSP

Segnalo anche il nuovo record di vendite della Nintendo: siamo ad 8.5 millioni di Nintendo Wii nel mondo. 8.5+1 se contate che Prophecy appena torna in Italia se ne comprerà uno.

Infine un quiz: quante persone hanno vissuto sulla terra?

Di abdul

Abdul Alhazared, a.k.a. Al Azif, ha circa 1000 anni e gironzola su vari piani dell'esistenza. Dopo aver scritto il Necronomicon si è dedicato alla tecnologia e alla scienza, muovendosi di tanto in tanto in Europa.

10 risposte su “monorotaia, monorotaiaaaa, monorotaiaaaaaa”

A Genova le macchine non ci stanno, non c’è posto, punto. Chi usa la macchina ogni giorno per andare a lavorare deve essere incentivato a smetterla, ovviamente dandogli in cambio un trasporto pubblico credibile.

Mono,due tre rotaie…….puppa.
Vuoi metere il turbo_bolide.

Cmq, ok, costruiamo la monorotaia (secondo me palanche buttate), ma nel frattempo, i genovesi come si muovono???

Avete mai vissuto un venerdi con la sopraelevata chiusa????
Ahahahahahahahahah
Delirio.
Bene, io si.
Un venerdi di pioggia qualsiasi, dove a causa di un’incidente viene chiuso UN SENSO di marcia….vorrei sottolineare UNO!
Tutti fermi tipo esodo ferragostiano da Nervi a Voltri, precisando che ciò non avveniva solo sulla statale, ma il tutto si ripercuoteva anche all’autostrada.

A biondo, torta di riso……finita!

le macchine a genova devono sparire! I genovesi sono troppo ben abituati.. ho il brutto presentimento che fra qualche anno in italia le cose andranno come qua, e mi sbattero’ perche’ non vada cosi’ 🙂 Alle prossime elezioni votatemi! 1 monorotaia in ogni casa!

“Troppo bene abituati” mica tanto… il trasporto a Genova è un disastro. A Londra (che è tipo 13 volte più grossa) ci si muove molto meglio… uno dei motivi è che entrare in centro con la macchina costa 8 sterline al giorno.

Così gli autobus non sono sempre immobilizzati in mezzo al traffico, e ci si muove.

Poi sì, se chiudi la sopraelevata *ora* per farci un’altra cosa, Genova collassa, sicuro. Il mio punto non è questo, è che le automobili sono una stronzata per girare nelle città normali, figurarsi in liguria. Avete presente quanto spazio occupano 100 persone in autobus e 100 persone in macchina?

Secondo me c’è da aggiungere un’altro aspeto.
La periferia.
Secondo me non basta lavorare solo sul centro, che ok è un po caotico,ma anche sui collegamenti della periferia.
Perchè in centro, non ci lavorano solo le persone che abitano in centro.
E per periferia, non intendo Molassana e Begato, ma Nervi…..
E’ ovvio che, se per arrivare a casa ho i mezzi contati, e dopo le 20 come succede a Camogli non esistono più mezzi pubblici fino alle 6 del giorno dopo, io continuerò a prendere la macchina.
In parte, puoi risolvere la cosa, costruendo un FamagostaNostrano a Nervi (dove?????????) ma poi devi garantirne la massima connetività.

La mobilità in Liguria, e per la conformazione geografica e per la mentalità, è materia piuttosto difficile

Secondo me, cmq, prima di buttarsi in imprese archittettoniche estreme, bisognerà potenziare quello che già si ha, con una metropolitana più lunga di 2Km, 48 che passano più spesso e che non siano dei carri bestiame, blablabla.

E’ ovvio che se vado in centro per un intervento da 10 minuti, con la macchina tra andate e ritorno in tuto sto via mezz’ora, mentre se con i mezzi mezz’ora la passo solo ad aspetare l’autobus, io continuo e continuerò a prendere l’auto…..!

C’abbiamo le strade strette.
C’abbiamo gli autobus o vecchi o rotti(lo sapete che i mezzi con l’aruia condizionata sono degli scarti delle aziende milanesi, vero?)
C’abbiamo troppi vecchi al volante.
C’abbiamo troppi cantieri ABUSIVI.

Se imponessero una tariffa per entrare in centro, vedremmo un aumento esponenziale di macchine col tagliando da invalido, un po’ come è capitato dopo l’avvento le nuove aree blu.

Semmai proibite i SUV in centro, che rompono le balle per le strade e nei parcheggi.

Eh si…
Quelle dei cantieri abusici e dei bus riciclati non le sapevo…
Come dice il buon Abdul, aver la pretesa di parcheggiare un Q7 in piccapietra, o girare con ‘H2 per Genova (notare che l’H2 in Piccapietra non ci può neanche entrare……) sono belle pretese, un po’ da stolti oserei dire.

I vecchi sono il meno.
Comunque, se la ex AMT ora non naviga nell’oro è anche grazie ai francesi (artefici ed ideatori delle strisce blu)
Giusto, ma rendno queste strisce blu???
Forse in multe si…..visto che gli ausiliari si appostano ad-hoc!

Bha

“Avete presente quanto spazio occupano 100 persone in autobus e 100 persone in macchina”
contando quante persone sono tipicamente stipate in un 45 o un 17/ quando piove, direi che 100 persone occupano circa un metro cubo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.