Natale al Frecc

Completo, con un certo ritardo, il mio viaggio di ritorno verso casa. Intemperie di vario genere mi hanno impedito di raggiungere l’Italia per Natale, ma ho avuto possibilità di vedere pazzie di vario genere. Di queste mi sembra giusto riportare notizia qua su R’Lieh.

Come alcuni sanno, sono andato al nord, dove il sole splende. Questo è circa mezzogiorno, ad un numero imprecisato di gradi nord. Tanti comunque.

Dagli un'ora, e tramonta

Fortunatamente per tirarsi su esistono le flebo di maionese:

Due per ogni pacchetto!

Ho incontrato veicoli vari, spazzaneve troppo veloci per fargli foto, slitte (con ruote bonus) trainate da cavalli pelosi tipo Chewbecca. Cose del genere, inoltre, non dovrebbero girare su strada secondo me:

Vabbeh, anche senza gru

Non poteva mancare il tradizionale quiz invernale di R’Lieh: di che auto si tratta?, in crescente ordine di difficoltà.

Easy
Gestibile
Disperazione cosmica

Molte, troppe erano nelle condizioni dell’ultima. Ciò non dovrebbe stupirvi, dato le foto vengono dal parcheggio di un aeroporto che appariva così:

E se c'è un incendio, da dove esco?

Da qui però gli aerei partivano senza problemi, a differenza di Bergamo. Sono passato anche da un altro aeroporto, in mezzo ad una tormenta di neve:

Si, ci son salito su questo, ed è partito.

Quei due grossi veicoli sullo sfondo sono spazzaneve. Giravano in quattro uno dietro all’altro, e solo dopo l’ultimo si intravedeva l’asfalto della pista. Ma anche da qui gli aerei partivano senza problemi, non come a Bergamo.

Il più grosso WTF lo meritano però le decorazioni dell’aeroporto principale di Oslo, disegnate da qualcuno che ha incontrato Cthulhu troppo da vicino:

Natale non sarà più lo stesso

Osserviamo la foto assieme: quello è Babbo Natale a cavallo di una pantera, sopra un taglia-formaggio gigante, e probabilmente volante. Babbo natale sorregge una teiera magica, dalla quale escono stelle, che diventano fiocchi di neve.

Babbo Natale. Pantera. Taglia formaggio. Si.

Poco sotto, coppie di persone e cavallucci marini si vogliono bene e tengono per mano. I tipici cavallucci marini norvegesi natalizi che tutti conosciamo, ovviamente. Più in basso, felici famiglie formano una catena. Al centro sboccia un amore dubbio, un menage-a-trois se la signora è fortunata, e non viene lasciata da sola con due figli a carico dal marito indeciso sulla sua sessualità.

L’ultima riga è l’apice, la meraviglia del Natale riassunta in un sequenza di immagini

Teiera Violino Neve Cobra Neve Teiera Teiera Neve Cobra Neve Taglia-formaggio Teiera

Un profondo messaggio natalizio, un messaggio in codice, o professionale pazzia?

dreadnaut

Dreadnaut è un anziano signore che si lamenta dei giovani sugli autobus —insomma, è una vergogna— ed osserva il mondo che passa. Scrive di tanto in tanto su R'Lieh, ma è di casa altrove.

13 thoughts to “Natale al Frecc”

  1. E bravo Dread che è uscito incolume da una puntata di "Ai confini della realtà".
    Ma è il freddo che da alla testa a queste persone? Bisogna trovare il nome dei pubblicitari!
    "Babbo Natale. Pantera. Taglia formaggio."

  2. Sulla Prius non sono certo, ma se l'hanno identificata dai tergicristalli lode. Nella seconda foto però c'è una Suzuki, con i due fari azzurri, e non una Mercedes.

    Le flebo purtroppo me le sono fatte al momento, che mi servivano.

    Teiera Violino Neve Cobra a tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *