Categorie
Entropie

Prinz Ov Bersha Chu: Uorrior Uidin

First Impression:

Ho trovato fantastico “Sands of Time”, per le idee nuove introdotte in un genere, quello dei giochi d’azione tridimensionali, che ristagnava da parecchio tempo.

La giocabilita’ in particolare ti portava a continuarlo fino a che non ti faceva male la testa. Nel secondo episodio si seguono gli effetti delle azioni del principe, che per aver liberato le sabbie del tempo, si e’ preso una maledizione coi fiocchi (tante belle cose, tante belle coseeee…).


Tolta l’atmosfera, sicuramente piu’ tetra e cruenta, sono state attuate alcune modifiche, soprattutto al sistema di combattimento, che lo rendono un po’ piu’ difficile rispetto al SoT.

E’ piu’ difficile ad esempio schivare gli attacchi avversari, cosiccome effettuare le prese con piroetta sulla testa. I nemici poi sono molto piu’ incazzosi rispetto al passato, tra questi cito solo le vampire in grado di uccidere con pochi attacchi.

I salvataggi si attivano nelle fontanelle della salute, a differenza del primo episodio in cui erano utilizzabili nei punti in cui si avevano le preveggenze.

L’uso dei poteri e’ pressoche’ simile, fortunatemente vi e’ sempre la possibilita’ di tornare indietro nel tempo, cosiccome di poterlo rallentare.

Grande effetto faceva sempre in SoT la corsetta sul muro, utilissima per superare i baratri o le trappole; qui pero’ gli sviluppatori si sono fatti piu’ bastardi, aggiungendo ostacoli di ogni sorta per rendere piu’ difficile tale azione.

Sostanzialmente e’ un gioco che da soddisfazione, forse crea un po’ piu di stress rispetto al primo episodio a causa di alcuni punti ostici… azz mi ero quasi dimenticato di citare la localizzazione del gioco: a parte il doppiaggio a dir poco penoso del protagonista (Gabriel Garko) e la Bellucci a doppiar Kaileena non sembra manco lei (se avete visto Matrix Reloaded ve ne accorgerete), la cosa piu’ penosa sono le traduzioni dei menu, guardare le foto please.

La colonna sonora pseudo-metal a me crea sconforto, tutt’altra cosa rispetto alla sognante melodia del primo episodio.

P.S Ringrazio il palmare che fa delle foto della TV a volte oscene.

P.P.S Aggiornero’ questo post una volta finito il gioco. Purtroppo non e’ visbile chiaramente la percentuale di completamento raggiunta, vi e’ una mappa dell’Isola ma…

Di abdul

Abdul Alhazared, a.k.a. Al Azif, ha circa 1000 anni e gironzola su vari piani dell'esistenza. Dopo aver scritto il Necronomicon si è dedicato alla tecnologia e alla scienza, muovendosi di tanto in tanto in Europa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.