SerravalleRacing

Qui c’è gente che dorme. Non mi spiego altrimenti il fatto che nessuno abbia postato il link del pazzo che si fa la Serravalle Bolzaneto sul CBR a 180KM/h di media.
Ne hanno parlato anche al TG5, me lo devo essere perso. Ne ho avuto notizia in laboratorio al DISI.
A quanto sentito dire in giro il video è stato tolto più volte da Google Video, ma rimesso subito dopo in circolazione.

Sembra che sia stata aperta anche una inchiesta a riguardo.
Non è certo il primo filmato in rete di corse spericolate.

Come mai un video deve diventare di dominio pubblico prima di suscitare tanto scandalo?
Come se i video delle minorenni o di violenza gratuita fossero cosa nuova per la rete.

Per tornare all’argomento strade e sicurezza ecco una trovata danese molto intelligente (topless contro velocità)

Update: beccato, ed è pure un casellante

abdul

Abdul Alhazared, a.k.a. Al Azif, ha circa 1000 anni e gironzola su vari piani dell'esistenza. Dopo aver scritto il Necronomicon si è dedicato alla tecnologia e alla scienza, muovendosi di tanto in tanto in Europa.

Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

  1. Capitan Chaos ha detto:

    Cittino….propio perchè ne ha parlato el TG5……è una roba gia vista, trita e ritrita.
    Bisogna essere originale…..
    Una volta scritto e detto ovunque….che senso ha parlarne anche qua???
    Per i posteri?????????
    Rimarranno certo scene memorabili e di gran valore in questa tera di tutor….ma non degradiamo il buon vecchio R’lieh

  2. Abdul ha detto:

    Boh, quello di Serravalle è nuovo abbastanza recente.

  3. Devil ha detto:

    Bastardi… hanno beccato gente che seguivo da mesi su internet!!!

  4. Abdul ha detto:

    Morto un papa se ne fa un altro. Aspetta e vedrai.

  5. Lo'oris ha detto:

    sto cominciando a odiare seriamente blogger

  6. Lo'oris ha detto:

    comunque non capisco la frase “Come mai un video deve diventare di dominio pubblico prima di suscitare tanto scandalo?”
    mi sembra un concetto un po’ attorcigliato su sè stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.