Viscera cleanup detail

Incuriosito dall’articolo positivo di RPS, ho dedicato qualche ora a questo videogioco un po’ atipico: Viscera Cleanup Detail.

In pratica si gioca nel ruolo dell’omino delle pulizie che arriva a pulire e mettere in ordine dopo che i soliti smargiassi hanno sparato a tutto quello che si muove. È un’idea che ho trovato interessante e mi ha incuriosito.

Lo dico subito: è da giocare in co-op, da soli ci si diverte solo per un po’: i livelli sono molto diversi l’uno dall’altro e cambiano pure un po’ le dinamiche, in uno puoi spegnere la gravità, in un altro devi estirpare anche le erbacce. Ma da soli, dopo che si è ammirato il level design e scoperto quali sono le particolarità, diventa un po’ tanto ripetitivo.

Il gioco cura molto anche l’aspetto trama. Siamo un piccolo ingranaggio in una megacorporation delle pulizie che ci manda qui e là a pulire. Abbiamo il nostro ufficio (da pulire anch’esso volendo) in cui si accumulano i premi di impiegato dell’anno e cose simili. Nei livelli si trovano dei fogli e dei tablet che permettono di ricostruire un po’ che cosa è successo. Nella maggioranza dei livelli dei mostri di qualche tipo sono scappati e hanno fatto fuori un po’ di gente, prima di essere annientati a loro volta. Un terminale permette di dichiarare il lavoro completato ed è pure prevista la compilazione di parecchia modulistica alla fine del livello: quanti bossoli sono stati raccolti, quanti oggetti bruciati, note su ogni singolo cadavere, ecc. La parte burocratica permette di avere una valutazione migliore per l’agognato premio di dipendente dell’anno.

Il gioco è piuttosto cruento, il titolo descrive bene il gameplay. Il 90% dei morti che si trovano sono smembrati e bisogna raccogliere gambe, braccia, teste e budella e farne qualcosa, in genere si butta tutto dentro ad una fornace, ma ci sono alle volte altre soluzioni più creative. Questa cosa di raccogliere cadaveri straziati mi è venuta velocemente a noia: fa parte dell’atmosfera, ma c’è un limite al numero di pezzi di intestino che sono disposto a raccogliere prima di iniziare a pensare che forse il mio tempo è meglio speso altrimenti.
Avrei gradito più varietà sui tipi di pulizia da compiere e meno cadaveri sbudellati. Pure i distributori di acqua e cassettoni ogni tanto si rompono, ma anziché spargere olio ovunque, che sarebbe stato giusto, sputano pezzi di cadavere pure loro, il tutto diventa velocemente alquanto macabro. C’è qualche accenno al fare delle riparazioni in certi livelli e sarebbe bello espandere anche quella parte. Infine se anziché le pulizie si facessero le indagini e bisognasse capire quale è stato l’incidente, chi l’ha causato, tipo detective spaziale, sarebbe un altro gioco, ma sarebbe fenomenale.

In co-op può regalare senz’altro momenti di ilarità.

Perché pulire in un videogioco quando c’è la casa vera piena di polvere? Beh, il videogioco ti da le medagliette e quando hai finito rimane pulito!

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. abdul ha detto:

    Ma è una idea geniale! C’è una qualche demo del gioco, nell’attesa di un Humble Bundle che lo contenga?

  2. abdul ha detto:

    Niente, ho trovato la alpha. http://www.runestorm.com/viscera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.