A tavola perdonerei chiunque,anche i miei parenti (O. Wilde)

Ok l’acquisto l’ho fatto e inizia a dare i suoi primi frutti, certo è che consuma uno sproposito di batteria.
Adesso posso divertirmi a fare io wardriving come vossignori. Per la cronaca vi segnalo un AP con ssid “default” da Mediaworld…
Qualche tool per restare in tema, per Palm ho trovato NetChaser.

Mi ha fatto piacere rivedere, grazie a questo sito di mappe con foto panoramiche, posti dove sono stato poco tempo fa.
In Canal Street, tra Little Italy e China Town, ad esempio vendevano le oche laccate e i rospi vivi.

Un aggiornato blog sui videogiochi, dove ho scoperto che tgm per 7 euro il mese scorso offriva 14 giorni di trial per WoW (è preoccupante il fatto che ormai in edicola vada mooolto raramente)

Se non siete deboli di cuore e adorate “The Ring” e “Grudge” visitate TheHOUSE

Ho appena ammazzato il primo boss di Prince Of Persia: The Two Throne. C’è poco da dire, sebbene aggiunga poco al predecessore, resta un gran gioco. Finalmente lo stealth mode è degno del nome che porta. Cmq in parecchie scene e mosse si sente il profumo di un certo God of War.

4 commenti su “A tavola perdonerei chiunque,anche i miei parenti (O. Wilde)”

  1. Ho giocato a The House.. subito pensavo fosse un gioco.. poi ho capito che è più che altro un film interattivo (molto poco interattivo, giusto quanto basta a farti credere di “essere lì”). La trama alla fin fine è alquanto inconcludente (un tipo che condannato a morte da un tumore decide di portare con sè nella tomba tutta la famiglia). Nel complesso credo che l’unica cosa realmente apprezzabile sia l’atmosfera, e quella devo dire che non è affatto male (ma mettete a palla le casse, altrimenti non rende!).

    Ah, e se potete andateci a notte tarda prima di andare a dormire.. aiuta! 😀

    Rispondi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.