E-FilmStore esempio di inusabilita’

L’altro ieri sono andato come di consueto da MediaWorld e ho comprato un Blu-Ray di War Horse (da non confondere con il pornazzo Whore Horse interpretato da Cicciolina). Apro la confezione e trovo dentro un simpatico bigliettino in cui mi si dice che siccome ho speso un fottio di soldi per il Blu-Ray mi si omaggia di un coupon per scaricare il film in formato digitale sul mio PC o sul mio MAC.”Che ficata” mi son detto “mi fa male la schiena e magari me ne resto a letto coricato mentre guardo il film sul MAC” (ovviamente lo so che la scelta di comprare un Blu-Ray e’ poco sensata in questo contesto. Ma parlero’ in un altro post del mio feticcio per le copie fisiche di videogiochi e film).

Cosi’ mi appresto a seguire le istruzioni sul coupon e a godermi la mia copia digitale del film.

  • Si va sul sito e-filmstore (il dash nell’URL avrebbe dovuto farmi capire che si trattava di una merda di sito, non vedo dash nelle url da secoli…).
  • Il sito e’ un po’ pacchiano, un po’ grossolano, un po’ fatto con l’ano. Ma e’ anche estremamente semplice da usare: c’e’ un grosso campo di testo al centro in cui inserire il codice. Ci puo’ stare.

     

  • Inserisco il mio codice. Si apre un meravigliosissimo pannello in cui mi si intimidisce di non fare cazzate spedendo il file (coperto ovviamente da DRM) ad altri. Morissero. Vabbe’ accetto e vado avanti
  • La finestrella si chiude e non succede nulla. Nulla di nulla. WTF???  Mi dico che magari prima e’ necessario loggarsi. Clicco su “i miei dati”. Mi si apre una trafila infinita di richieste di dati personali a cui rispondo con una bella pernacchia e una mail di mailinator.
  • Poi ovviamente una volta completata la registrazione e cliccato su accedi mi si chiedono nuovamente login e password. Ma in un giubilo di usabilita’ invece di usare la mail come login, fanno specificare un’altra login. Evviva!
  • Mi loggo. E ritorno alla meravigliosa quanto onnipresente pagina iniziale. A questo punto inserisco di nuovo il codice. E di nuovo non succede nulla. L’unica differenza e’ che a questo punto la disney avrebbe potuto avere un sacco di miei bellissimi dati personali. Ma non mi do’ per vinto. Provo a cliccare di nuovo su “I miei dati”.  Mi devo loggare di nuovo. Impreco contro la disney e contro le major almeno una decina di volte e mi loggo
  • A questo punto pero’ clicco su “I miei film”. Magari il film e’ stato attivato e lo ritrovo qua dentro. Si apre una simpatica schermata
DOVETE SOLO MORIRE. VOI, SILVERLIGHT, I DRM, LA DISNEY, LA MINCHIA DI COMPAGNIA CHE GESTISCE QUESTO SCHIFO DI SITO. MA SIAMO FUORI??? Ma la major dietro a questa merda non e’ la “MinchiaFilmGenova”, e’ la Disney porco cazzo. Ma si sono bevuti il cervello? Va ancora bene che doveva essere facile scaricare il film. Ma ancora una volta: morite tra atroci sofferenze voi e la vostra inettitudine del cazzo. Siete solo dei falliti. E LA MAGIA CONTINUA NEL VOSTRO CULO.
Giusto per far capire come cazzo dovrebbero funzionare le cose aggungo un epiologo. Siccome volevo vedermi un film vado su iTunes Store. Seleziono (un altro) film. Clicco su Noleggia:
Il film appare automaticamente nella lista “Rentals”. Clicco play e lo guardo. E’ pure un gran bel film.
VAGAMENTE PIU’ SEMPLICE EH. E APPLE E DISNEY SONO LA STESSA CAZZO DI COMPAGNIA!!! Scommetto che in america quando compri un film disney automaticamente lo puoi scaricare dall’app store. Ma in italia NO! Il mio prossimo obiettivo e’ sputtanare i minchioni dietro al sito  e-filmstore.it e farli tornare a zappare la terra.
[PS. FINALMENTE blogspot ha aggiornato l’editor. Ora e’ un piacere postare.. Era qu
asi l’ora cazzo]
Etichettato ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.